A volte i social network possono essere uno strumento utile per fare qualcosa di buono, non solo per postare i propri stati d’animo, per insultare qualcuno o mettersi in mostra.

A volte possono essere uno strumento utile per far conoscere dei piccoli grandi progetti volti a fare del bene.

E’ il caso dell’Associazione 17, che porta avanti progetti a favore dei bambini nepalesi.

Lascio che a parlarne sia Anna Toffolatti, titolare del negozio Karmashop, impegnata in prima linea assieme alla sua famiglia ed altri amici per portare avanti questi progetti.


Cos’è, o meglio, chi è l’Associazione 17?

L’Associazione 17, è una piccola associazione che nasce nel 2010 in memoria di Claudio Giacomin. Inizialmente i nostri erano piccoli progetti di sostentamento ad una casa famiglia di Kathmandu che ospita figli di detenuti. In seguito al terremoto del 25 Aprile 2015 grazie ai fondi raccolti siamo stati in grado di iniziare progetti più impegnativi.

Che tipo di progetti portate avanti?

Abbiamo diversi progetti attivi. Il più importante è stato appena portato a termine insieme a Finale for Nepal. E’ un progetto che abbiamo fortemente voluto e individuato nel giungo 2015 grazie a Creative Nepal (associazione nepalese che ci aiuta). Si tratta della ricostruzione della Sunkoshi Boarding school a Sindupalciok completamente distrutta dal terremoto, che è in grado di ospitare oltre 200 bambini. Sempre insieme a Finale for Nepal sosteniamo al 100% il First ray of hope, un orfanotrofio nei pressi di Kathmandu con 19 bambini e da quest’anno ci occupiamo della sponsorizzazione di 8 bambini orfani che consiste nel totale mantenimento presso una scuola privata dove vivono e studiano.

Quali sono i problemi principali che vi trovate ad affrontare?

In Nepal i problemi principali sono di tipo logistico ed organizzativo, fortunatamente a Kathmandu abbiamo  Creative Nepal, un gruppo di ragazzi cresciuti all’orfanotrofio di Balmandir e che grazie ad uno sponsor straniero hanno potuto studiare fino a laurearsi. Sono loro a risolvere i problemi burocratici e pratici che insorgono in Nepal.

In Italia il problema principale è sicuramente la raccolta dei fondi da poter investire in Nepal. Abbiamo una pagina attiva su Facebook come Associazione 17 dove promuoviamo le nostre iniziative, ma gli aderenti sono sempre una minima parte. La buona volontà non basta, senza la capacità economica non siamo in grado di aiutare nessun bambino.

Qual è la cosa che finora più vi ha riempito di gioia?

Per essere pieni di gioia basta stare un pò di tempo con i bambini che sponsorizziamo, all’orfanotrofio di Siphal e Balmandir o vedere i bambini nelle classi della nuova scuola di Sindupalciok.

Come è possibile sostenervi?

ll modo migliore per sostenerci è indubbiamente quello di donare. Solo grazie alla capacità economica possiamo salvare molti bambini dalla povertà e dalla miseria permettendogli di studiare in scuole di ottima qualità in modo che possano costruirsi un futuro migliore. Le donazioni possono essere fatte tramite bonifico bancario su cc Friuladria Iban: IT32W0533661680000030060745 oppure donare direttamente a noi passando al negozio Karmashop a Vittorio Veneto, Galleria al Cavallino 8 tel. 0438943000

Quindi ve lo ripeto, l’iban dell’Associazione 17 per contribuire ai progetti in Nepal è il seguente:

IT12J0533661680000030172495

Io ho fatto….

….e voi cosa aspettate?



Se ti è piaciuto l'articolo condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *