Oggi vi presento una semplicissima ricetta per realizzare delle tavolette di cioccolato crudo.

Per intenderci, il crudismo è un tipo di cucina in cui gli ingredienti non vengono cotti a temperature superiori ai 40-42°C, con lo scopo di mantenere valori nutrizionali più alti ed evitare il fenomeno della denaturazione delle proteine, processo chimico che avviene dopo i 43°C.

Fatta questa premessa passiamo alla ricetta.

Ingredienti

  • 150-200 g. di polvere di cacao amaro (possibilmente Fairtrade) oppure 100 g. di pasta di cacao
  • 100 g. di burro di cacao
  • 40 g. di farina di carrube
  • 4 cucchiai di succo d’agave per dolcificare (oppure altri dolcificanti ad esclusione dello zucchero, incluso quello di canna)
  • un cucchiaino di vaniglia per aromatizzare
  • un pizzico di sale integrale

Questa è la base, io poi aggiungo questi ingredienti:

  • 1 cucchiaio di astragalo (un cosiddetto superfood ricco di antiossidanti)
  • 1 cucchiaio di spirulina in polvere (un’alga ricca di Omega 3 e 6; vitamine A, D e K; ferro, sodio, magnesio, manganese, iodio e potassio)

Preparazione

Sciogliere a bagnomaria il burro di cacao, una volta sciolto aggiungere gli altri ingredienti continuando a mescolare, dapprima il cacao in polvere, poi la farina di carrube, la vaniglia, il succo d’agave ed eventualmente astragalo e spirulina, lasciando per ultimo il sale.

Una volta ottenuto un composto omogeneo potete versarlo in uno stampo per tavolette di cioccolato (le potete trovare su internet e vi consiglio quelle in policarbonato) oppure in un contenitore per cubetti di ghiaccio, se volete fare dei cioccolatini. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente (ci vorranno circa 8 ore affinché solidifichi completamente, ma dipende dalla consistenza del composto), oppure mettete in frigo per circa 3 ore se volete fare prima.

Le quantità indicate nella sezione ingredienti vi permetteranno di ottenere tre tavolette.

La ricetta è veramente semplice, sperimentate! Tra le mie varianti ho creato anche una “versione” con granella di noci macadamia.



Se ti è piaciuto l'articolo condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *